Sommario

oggi è Venerdí 21 giugno 2024



Servizi on line

Organismi di Partecipazione

Pari Opportunità

Associazionismo

Partecipazione dei cittadini


Aggiornato Lunedí 26 febbraio 2024
Cassettonato della Chiesa della Madonna del Carmine detta delle galline

Il cassettonato ligneo del soffitto del santuario della madonna delle galline ha precedenti illustri a Napoli e in altre chiese della Campania ( santa Maria la Nova, duomo, santissima Annunziata , san Paolo Maggiore a Napoli, san Vito a Marigliano presso Nola, santissima Annunziata a Capua, Collegiata di Solofra..).

Eseguito probabilmente durante il restauro della chiesa nel 1712, esso ha subito una serie di interventi nel corso del secolo successivo, dal momento che le tele erano state danneggiate gravemente dall´acido tannico prodottosi al contatto con l´acqua piovana infiltratasi dal tetto, con il conseguente distacco in più parti della pellicola pittorica.

Il soffitto è lungo 81 palmi e largo 27,5, pari a 864 metri quadrati.

Il restauro del 1856 progettato dall´architetto Alessandro Baccari costò alla confraternita 2652 ducati.

I lavori di riparazione furono sollecitati dal vescovo D´Auria che minacciò di interdire al culto il Santuario, ciò spiega perché la confraternita si sottopose al sacrificio di una così cospicua somma.

I lavori di restauro delle tele furono affidati al pittore Luigi Montesano, col quale collaborò un certo pittore Giovanni Pennafilica.

Il Montesano è autore della tela che sostituì quella danneggiata dall´umido raffigurante San Francesco di Paola.

Una tela di anologo soggetto il Montesano realizzò per la chiesa dell´Annunziatella di salerno, altres ue opera sono conservate al Palazzo Arcivescovile di Salerno e San Giovanni di Dio.

L´intervento di restauro effettuato tra il 1995 e il 1998 è stato unicamente di tipo conservativo.

Per tale motivo, le tele continuano a presentare lacune di colore.

E´ difficile ricostruire con precisione le origini del cassettonati , del quale esistono riferimenti solo nei documenti ottocenteschi, gli unici conservati nell´archivio della Confraternita e dalla consultazione delle visite pastorali effettuate dai vescovi nocerini fini al 1720 non sono emerse indicazioni riguardo all´opera.


Per saperne di più